Crostatine con marmellata di fragole e crema di nocciole e pistacchi, senza… burro, latte e uova

Ieri mi sono imposta di fare qualcosa che amo: i miei dolci! In queste settimane frenetiche scandite da smart work fino alle 15, contemporaneamente badare ai bambini, h 24, cucinare per tutta la famiglia, rassettare, pulire, e… bla bla bla, cerco sempre di incastrare il tempo per questo ma purtroppo, come potete vedere, una volta a settimana è già un lusso!

Oggi voglio proporvi le crostatine alla marmellata di fragole e crema di nocciole e pistacchi. La mia marmellata è quella che ho fatto in casa l’estate scorsa, posterò al più presto la ricetta, mentre la crema di nocciole è composta da una crema vegana acquistata e pistacchi tritati.

Sono molto semplici da realizzare, provare per credere!

Crostatine con marmellata di fragole fatta in casa e crema di nocciole e pistacchi, senza… burro latte e uova

INGREDIENTI

PROCEDIMENTO

  1. Preparate la pasta frolla
  2. Trascorso il tempo di riposo preriscaldate il forno a 180°
  3. Stendete la frolla fino ad ottenere uno spessore di 2/3 mm, prendete uno stampino da crostatina e utilizzatelo come un coppapasta per ottenere le forme delle vostre crostatine. Rimuovete l’eccesso di pasta e riformate una palla. Ripetete l’operazione fino a raggiungere il numero di tortine che vi serve, con quello che avanzate invece riformate una palla, ricopritela di pellicola trasparente e mettela in freezer.
  4. Spruzzate di spay staccante alimentare o ungete gli stampini e ricopriteli bene con le vostre fromine di frolla, bucherellatela con una forchetta e mettete da parte. Preparate la crema di nocciole e pistacchi: versate la crema di nocciole in una ciotola, versate i pistacchi tritati e mescolate bene finchè i pistacchi saranno ben distribuiti nella crema e mettetela da parte. Prendete un vasetto di marmellata di fragole, io ho usato quella che avevo fatto in casa e mettetene abbastanza da ricoprire la base della vostra crostatina, mi raccomando di non eccedere troppo nella dose altrimenti rischiate che fuoriesca durante la cottura in forno. Farcite con la marmellata la metà delle tortine.
  5. Infonate tutte le le formine, anche quelle non farcite a 180° per 18 – 20 minuti. Controllate la dortature delle crostatine e se vedete che si scuriscono troppo in fretta, sfornatele.
  6. Terminata la cottura farcite le crostatine rimanenti ancora calde con la crema di nocciole e pistacchi.

CONSIGLIO: conservatele sotto una campana di vetro, in una scatola a chiusura ermetica o dentro al forno spento per un massimo di 3 giorni.


Torta al latte (vegetale!) caldo , senza… burro, latte e uova

Finalmente riesco a scrivere nel mio sito… in questi giorni difficili è diventato un lusso potermi dedicare ai miei dolcetti, tra lockdown, smartworking e bambini a casa ovviamente il tempo da ritagliarmi per poter fare ciò che più amo è davvero inesistente.

Ieri sono riuscita in 10 minuti a preparare l’impasto per questa ciambella gustosa da inzuppare tutta nel latte a colazione o la sera, come ho fatto io ieri, prima di andare a letto.

Forza amici provate anche voi a coccolarvi un pochino con questa semplice tortina! Ce la fremo!

Torta al latte (vegetale!) caldo , senza… burro, latte e uova

INGREDIENTI

  • 200 g di farina 00
  • 50 g di fecola di patate
  • 200 g di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 bustina di lievito vanillato
  • 4 cucchiai di cioccolato fondente in polvere
  • 160 ml di latte vegetale
  • 250 g di yogurt alla soia (2 vasetti)
  • 80 g di burro vegetale (io ho usato quello di soia)

PREPARAZIONE

  1. Preriscaldate il forno a 180°
  2. Sbattete gli yogurt con lo zucchero fino a completo assorbimento e nel frattempo scaldate il latte vegetale in un pentolino assieme al burro vegetale fino a sfiorare il bollore, intanto setacciate la farina, la fecola, la vanillina e il lievito e versateli sul composto di yogurt e zucchero mescolando con il gancio a foglia a bassa velocità. Quando il composto sarà omogeneo versate poco per volta il latte e il burro.
  3. Inoliate e infarinate (io ho usato del pan grattato) una teglia col buco da 24 cm e versateci dentro la metà dell’impasto che dovrà risultare lucido e setoso. Rimettete la ciotola con la metà rimanente nella sede dedicata dell’impastatrice e versateci il cioccolato fondente e sbattete a bassa velocità fino a completo assorbimento. Versatelo ora nella teglia e con una forchetta mescolate grossolanamente gli impasti.
  4. Infornate a forno statico per 30 – 35 minuti o finchè uno stecchino non uscirà dalla torta completamente pulito.

CONSIGLIO: Conservate la torna per un massimo di 3 giorni ben chiusa in una scatola, sotto una campana di vetro o in forno. Io per la cottura ho usato il fonetto da fuoco messo sul fuoco dolce per 45 minuti.


Crostata alla crema e banane, senza… burro, latte e uova

Per chi si annoia delle solite crostate alla marmellata o alla cioccolata, questa è davvero una valida e originale alternativa: crema (non pasticcera!) e banane (apprezzate da adulti e bambini!).

Mi sono ritrovata un eccesso di banane e come al solito, non volendole gettare, ho cercato una ricetta che non fosse il solito abusato banana bread o i muffins alla banana. Ecco che mi imbatto su di una crostata, dolce che, tra l’altro, era un pochino che non facevo! Incuriosita mi cimento a fare la versione senza lattosio e uova, ammetto, un po’ preoccupata per la resa della crema…

Beh… una deliziosa sorpresa anche in versione vegan!

Crostata alla crema e banane, senza… burro, latte e uova

INGREDIENTI

Crostata e farcitura

  • Pasta frolla
  • 400 ml di latte vegetale
  • 120 ml di panna vegetale
  • 100 g di zucchero semolato
  • Una presa di sale
  • 125 g di yogurt di soia alla banana
  • 30 g di amido di mais
  • 1 bustina di vanillina
  • 2 cucchiai di burro vegetale
  • 4 banane
  • 1 spruzzata di cannella

Panna montata

  • 240 ml di panna vegetale da montare
  • 2 cucchiai di zucchero a velo vanillato
  • Una bustina di vanillina

PROCEDIMENTO

  1. Preparate la pasta frolla
  2. Preriscaldate il forno a 180º
  3. Stendete la frolla abbastanza grande da ricoprire una teglia da 24 cm, spruzzate la teglia con dello spray staccante alimentare, ricoprire con la frolla e tagliate l’eccesso di pasta dal bordo e procedete alla cottura alla cieca: bucherellate con una forchetta la pasta sul fondo della teglia, ricoprire con della carta forno e versateci sopra dei legumi secchi, del riso o le apposite sfere in ceramica e infornate per 20 minuti. Passati 15 minuti togliete la carta forno con i legumi, il riso o le sfere d’argilla e lasciate in forno per i rimanenti 5 minuti. Trascorsi i gli ultimi 5 minuti, sfornate e mettete da parte.
  4. Mescolate il latte vegetale, la panna vegetale, lo zucchero e il sale in una pentola di medie dimensioni e a fuoco medio. Mescolate finché lo zucchero si sarà dissolto, passare sul fuoco dolce sbattendo con una frusta di tanto in tanto. Lavorando velocemente mentre la crema di latte inizia a sobbollire, sbattete a parte lo yogurt e l’amido di mais in una ciotola resistente al calore, finché non saranno mischiate in maniera omogena. Molto lentamente versate 240 ml di crema al latte per riscaldare la mistura di yogurt e amido di mais. Versate ora lentamente il composto nella pentola ancora sul fuoco e continuate a mescolare con la frusta finché la crema non si sarà addensata e delle bolle inizieranno a salire in superficie. Rimuovete la pentola da fuoco, ricoprite la crema con della pellicola trasparente e lasciate raffreddare per almento 15 minuti.
  5. Affettate 2 banane e sistemate le fettine sulla base della crostata ormai raffreddata, cospargete con poca cannella, versateci la crema sopra. Coprite di nuovo la crema versata con della pellicola trasparente e ponetela in frigo per almeno 4 ore.
  6. Quando sarà ora di servirla, preparate la panna montata usando uno sbattitore elettrico o una planetaria dotata di frusta, sbattete insieme la panna vegetale da montare, lo zucchero a velo e la vanillina ad alta velocità finché non suoererà la priva del cucchiaino (circa 5 minuti). Affettate le altre 2 banane e ricoprite la crema versata in precedenza sulla crostata e decorate a piacere con la panna montata.

CONSIGLIO: Conservatela in frigo per un massimo di 3 giorni.

Francesca