Semifreddo all’arancia, senza… burro, latte e uova

Questo fine settimana mi sono trovata un sacco di arance nella fruttiera e mi sono messa a lavoro per smaltirne qualcuna. Ieri pomeriggio era molto caldo e voglia di accendere il forno assolutamente non c’era e quindi via libera a utilizzare frigo e freezer per realizzare un fresco dolce.

Panna vegetale, yogurt di soia e spalmabile di soia alleati assoluti per questa realizzazione golosa!

L’unica pecca? Il caldo di ieri l’ha fatto sciogliere in fretta fuori dal frigo!

Semifreddo all’arancia, senza… burro, latte e uova

INGREDIENTI

Per la base

  • 1 cucchiaio di olio di cocco
  • 50 g di burro vegetale
  • 10 biscotti digestive

Per la crema semifredda

  • 250 ml di panna vegetale da montare
  • 125 g (1 vasetto) di yogurt di soia
  • 3 cucchiai di spalmabile alla soia
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo vanillato
  • colorante alimentare arancione (facoltativo)

Per la glassa

  • 250 g di zucchero semolato
  • il succo di 2 arance + quanto basta per decorare

PROCEDIMENTO

  1. Preparate la base: Riducete in polvere i biscotti con il mixer, versate la polvere una ciotola di medie dimensioni e mettete da parte. Sciogliete l’olio di cocco e il burro vegetale, versateli sulla polvere di biscotti e mescolate finché non risulterà un composto umido e sabbioso. Prendete una teglia da 18 cm con i bordi sganciabili, foderate la base con della carta forno e versate il vostro composto sabbioso. Aiutandovi con il dorso di un cucchiaio, livellate in maniera omogenea fino ad ottenere una superficie omogenea, ponete in freezer per almeno una mezz’ora.
  2. Preparate la crema semifredda: Nella ciotola di una planetaria, versate la panna vegetale (meglio se fredda da frigo) e lo zucchero a velo e montate ad alta velocità finché non risulterà soda e densa (fate la prova del cucchiaino). Aggiungete lo yogurt e aiutandovi con una spatola di gomma, incorporate mescolando molto delicatamente dal basso verso l’alto. Quando si sarà amalgamato lo yogurt, aggiungete lo spalmabile alla soia e ripetete come per lo yogurt. Quando avrete ottenuto un composto omogeneo e leggero come una nuvola, spremete un’arancia ed eliminate i residui di polpa passando il succo attraverso un colino per versarlo sulla vostra crema. Mescolate nuovamente molto delicatamente dal basso verso l’alto. Prendete un’altra ciotola di medie dimensioni e versateci la metà della crema e versate qualche goccia di colorante alimentare arancione e mescolate come prima delicatamente. Se non sarà ancora trascorsa la mezz’ora per la solidificazione in freezer della base, mettete la crema in frigo coperta con della pellicola trasparente finché non sarà ora di versarla sulla sua base.
  3. Componete il dolce: Trascorsa la mezz’ora, prendete la base dal freezer e la crema da frigo nel caso fosse stato necessario conservarla. Versate prima la crema colorata e con una spatolina in metallo, livellatela fino a ottenere una superficie omogenea. Prendete poi la crema non colorata e ripetete l’operazione. Lasciate solidificare bene il tutto in frigo per almeno 3 ore.
  4. Preparate la glassa: In un pentolino dai bordi alti versate il succo passato attraverso n colino di 2 arance e lo zucchero semolato. Accendete il fuoco e fate arrivare a sobbollire mescolando di tanto in tanto, facendo attenzione a non far attaccare il composto. Quando risulterà della consistenza di uno sciroppo, togliete da fuoco e versate una ciotola adatta a resistere al calore per far raffreddare completamente.
  5. Decorate: Una volta raffreddata completamente la glassa e trascorse le 3 ore di solidificazione del dolce, toglietelo dal frigo e versate la glassa sulla superficie. Dovrebbe non essere necessario livellarla ma in caso contrario, sempre con una spatolina di metallo livellate in maniera omogenea. Mettete di nuovo in frigo per almeno mezz’ora. Decorate con le fettine di arancia solo appena prima di servire il vostro semifreddo.

CONSIGLIO: se ne avanzate e volete che mantenga la forma anche dopo averlo servito, rimettetelo immediatamente in frigo dopo averlo sporzionato. Conservatelo il frigo per un massimo di 5 giorni.


Semifreddo al cioccolato aromatizzato alla ciliegia, senza… burro, latte e uova

Cioccolato e ciliegie, un connubio esplosivo! Con i primi caldi che si propongono in questo periodo, sono sempre più incline a sperimentare dolci da frigo anziché dolci da forno… ovviamente!

Venerdì scorso ho aperto la scatola dei miei preziosissimi cioccolati fondenti e mi è capitato in mano quello aromatizzato alla ciliegia e ho deciso di prendere, panna da montare vegetale, yogurt di soia e spalmabile di soia e mi sono lanciata del preparativo. In freezer avevo ancora della base per semifreddi all’avena, olio di cocco e miele ed ecco fatto il dolce.

Semplice, fresco e goloso, un dolce che non delude!

Semifreddo al cioccolato aromatizzato alla ciliegia, senza… burro, latte e uova

INGREDIENTI

  • Base per semifreddo all’avena
  • 250 ml di panna vegetale da montare (meglio se fredda da frigo)
  • 125 g (1 vasetto) di yogurt di soia
  • 2 cucchiai di spalmabile di soia
  • 3 cucchiai pieni di cioccolato fondente in polvere
  • 1 tavoletta di cioccolato fondente aromatizzato alla ciliegia
  • zucchero colorato
  • ciliegie candite

PROCEDIMENTO

  1. Preparate la base all’avena per il vostro semifreddo e mettetela da parte
  2. Preparate la crema semifredda: per prima cosa fondete il cioccolato a bagnomaria e lasciatelo stemperare mentre preparate il resto. Montate la panna vegetale fino a farla diventare molto soda (fate la prova del cucchiaino!), aggiungete lo yogurt mescolando delicatamente con una spatola dal basso verso l’alto, una volta incorporato lo yogurt, aggiungete lo spalmabile di soia e con lo stesso movimento mescolate anch’esso finché il composto non risulterà omogeneo. Versate ora il cioccolato fuso e ripetete l’operazione. Per ultimo versate il cioccolato in polvere e incorporate sempre molto delicatamente. Prendete ora la base del vostro dolce ormai raffreddata e versateci sopra la crema. Aiutandovi con una spatola distribuite uniformemente la crema ricordandovi di premere bene in modo che non si formino bolle d’aria che rovinerebbero l’aspetto del vostro dolce, infine appiattite la superficie in modo che risulti della stessa altezza in maniera omogenea. Ponete in frigo per almeno 4 ore.
  3. Guarnite e servite: trascorso il tempo di raffreddamento guarnite con lo zucchero colorato e le ciliegie candite e servite.

CONSIGLIO: conservate la torta in frigo per un massimo di 3 giorni.


Semifreddo al cioccolato fondente e caffè, glassato al kiwi, senza… burro, latte e uova

Ieri mi sono adoperata nuovamente nella creazione di un dolce che non prevedesse l’utilizzo di farina, ahimè, hanno avuto un problema con la spedizione del mio bramato pacco da 15 kg e riescono a consegnarmelo soltanto oggi.

Ho voluto provare qualcosa di diverso, sia negli ingredienti impiegati che nell’abbinamento tra di essi, una cosa un po’ più originale. Rischioso, MOLTO rischioso e la grande prova era il palato (fin troppo delicato!) di mio marito.

Volete sapere com’è andata? Beh…

Semifreddo al cioccolato fondente e caffè, glassato al kiwi, senza… burro, latte e uova

INGREDIENTI

  • 200 g di fiocchi di avena + una manciata per decorare
  • 50 g di olio di cocco sciolto
  • 2 cucchiai di miele
  • 500 ml di panna vegetale da montare già zuccherata
  • 100 g di cioccolato fondente
  • 1 tazzina di caffè
  • 7 kiwi maturi
  • 5 cucchiai di zucchero semolato
  • 1 goccia di colorante alimentare verde scuro (facoltativo!)
  • 1 presa generosa di mandorle affettate
  • 1 presa generosa di gocce di cioccolato fondente
  • 2 cucchiaini di polvere di caffè

PROCEDIMENTO

  1. Preparate la base: preriscaldate il forno a 180°. Foderate con della carta forno la base di una teglia col bordo amovibile da 18 cm e mettete da parte. Con il mixer tritate finemente i fiocchi d’avena (la manciata per decorare non va tritata!!!) e versateli in una ciotola di medie dimensioni. Aggiungete l’olio di cocco sciolto e il miele e mescolate finchè la polvere di fiocchi d’avena non risulterà umuda e sabbiosa. Mettetela ora nella teglia e con il dorso di un cucchiaio appiattitela in maniera omogenea, una volta terminato mettetela in forno per 10 – 15 minuti, controllando la doratura. Se dovesse scurirsi più velocemente, sfornate e mettete da parte a raffreddare.
  2. Preparate la crema semifredda: Preparate il caffè e versatelo in una tazzina per farlo raffreddare, mettete poi a sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria. Nel frattempo, con delle fruste elettriche o una planetaria dotata di frusta, montate la panna alla massima velocità finchè non supererà la prova del cucchiaino (la panna dovrà essere talmente soda da mantenere il cucchiaino in posizione verticale). Controllate il cioccolato fondente e appena sarà sciolto del tutto mettetelo da parte a intiepidire. Prendete il caffè e versatelo poco per volta sulla panna montata mescolando MOLTO delicatamente con una spatola di gomma dal basso verso l’alto. Non procedete a versarne ancora finchè non sarà completamente incorporato quello che avete già versato. Terminato di mescolare panna e caffè, versate il cioccolato fondente e procedete a mescolare come per il caffè. La crema dovrà risultare spumosa e leggera come una nuvola anche dopo aver versato cioccolato e caffè. Procedete ora a versarla nella teglia contenente la base alla polvere di avena che ormai si sarà raffreddata a sufficienza. Con una spatola di metallo o il dorso di un cucchiaio spalmatela uniformemente, premendola, in un primo momento, verso il basso in modo da evitare che si formino punti vuoti. Successivamente appiattite la superficie in modo che risulti più omogenea possibile. Ponete in frigo per almeno 4 ore.
  3. Preparate la glassa al kiwi: Sbucciate 5 dei 7 kiwi, tagliateli a pezzettini e metteteli in un pentolino, preferibilmente antiaderente, dai bordi alti. Aggiungete lo zucchero e mettete a sobbollire a fuoco dolce, mescolando di tanto in tanto, finchè non si sarà ridotto a marmellata. Se vedete che si asciuga troppo presto, aggiungete un po’ d’acqua e un cicchiaio di zucchero e lasciate sobbollire finchè non raggiungerà la consistenza desiderata. Fate attenzione che non si attacchi altrimenti dovrete ricominciare tutto da capo!! Togliete dal fuoco una volta pronto, versatelo in un contenitore dai borti alti e con il mixer a immersione frullatelo fino a ridurlo a una glassa omogenea e lucida e mettetelo da parte a raffreddare. Se il colore non vi soddisfa, quando la glassa sarà almeno intiepidita, aggiungete una goccia di colorante alimentare verde scuro (evitate se avete solo verde troppo accesso, risulterebbe artefatto e stonerebbe con gli altri colori della torta!), mescolte finchè il colore non sarà ben distribuito. Trascorse almeno 3 ore e mezza delle 4 di riposo del semifreddo, prendete il vostro dolce dal frigo e versateci sopra la glassa al kiwi e sempre con una spatola o il dorso di un cucchiaio, spalmatela in modo che la superficie sia ben distribuita e omogenea. Rimettete in frigo per la restante mezzora di riposo.
  4. Decorzione: decorate il vostro semifreddo solo appena prima di servirlo. In una ciotola versate la manciata di fiocchi d’avena, le mandorle, le gocce di cioccolato fondente, 1 kiwi tagliato tocchetti e la polvere di caffè e mescolate. Con questo mix guarnite il vostro dolce come più vi piace e con il kiwi rimanente tagliatelo a fettine e date un ulterioro tocco di colore alla vostra decorazione.

CONSIGLIO: conservate il semifreddo rigorosamente in frigo per un massimo di 3 giorni!


Torta fredda allo yogurt e biscotti digestive, senza… burro, latte e uova

Oggi volevo fare un dolce… ma vista la penuria di farina in casa, ho ripiegato su un dolce dove non ce ne fosse bisogno: la torta fredda allo yogurt, come quella Cameo, ma fatta in casa!

Preparazione semplicissima e necessità di quattro ingredienti in croce è davvero ottima per chi non ha voglia di “sbattersi” troppo in cucina.

Utilizzando i miei ingredienti privi di latticini e ovviamente, niente uova, è venuta comunque cremosa e golosissima! Buon divertimento!

Torta fredda allo yogurt e biscotti digestive, senza… burro, latte e uova

INGREDIENTI

  • 200 g di biscotti digestive
  • 100 g di margarina (meglio se burro vegetale!)
  • 125 g (1 vasetto) di yogurt di soia, gusto a piacere
  • 50 g di zucchero a velo vanillato
  • 350 ml di panna da montare per dolci vegetale
  • 250 g di fragole o frutta a piacere
  • 50 g di zucchero

PREPARAZIONE

  1. Preparate la base: mettete i biscotti in un sacchetto ben chiuso e frantumateli con il mattarello, trasferite la polvere di biscotti in una ciotola di media misura. Mettete di parte. Sciogliete la margarina a fuoco dolce e versatela sulla polvere di biscotto. Mescolate fino a ottenere un impasto umido e sabbioso. Ricoprite con della carta forno la base di una teglia col bordo amovibile da 18 cm, versateci dentro l’impasto sabbiosoe col dorso del cucchiaio appianate la superficie in maniera omogenea. Ponete in freezer per 20 minuti.
  2. Preparate la crema allo yogurt: versate la panna da montare per dolci in una ciotola capiente o in quella della planetaria dotata di frusta, aggiungete lo zucchero a velo e con la frusta elettrica montate ad alta velocità. Quando sarà ben montata aggiungete lo yogurt e molto delicatamente, con una spatola mescolate dall’alto verso il basso. Prendete la base da freezer e versate la crema nella teglia e con una spatola appianatela in maniera omogenea. Ponete in frigo per almeno 4 ore.

CONSIGLIO: una volta passato il tempo di riposo in frigo, togliete la torta dallo stampo se riuscito oppure rimuovete solo il bordo e mettetelasu di un piatto da portata, decorate con frutta a piacere. Conservate in frigo per un massimo di 3 giorni!


Torta alla crema chantilly e brownies, senza… burro, latte e uova

Eccomi qui di nuovo, resuscitata dopo una terribile influenza che mi ha obbligata a letto per qualche giorno oltre che ad abbandonare i miei pasticci!

Ho voluto fare un rientro in grande stile con un dolce degno di una pasticceria. Modestia e scherzi a parte, ho voluto provare a fare la crema chantilly senza uova e latte e devo dire che è stato sorprendentemente semplice!

Ho anche riutilizzato i brownies avanzati da una delle mie ultime ricette et voilà la torta è stata fatta!

Torta alla crema chantilly e brownies, senza… burro, latte e uova

INGREDIENTI

Base

  • Brownies sbriciolati q.b.
  • Burro vegetale q.b.

Crema Chantilly

  • 400 ml di latte di mandorle
  • 25 g di farina 00
  • 60 g di zucchero
  • scorza di un limone non trattato
  • 3 bustine di vanillina
  • 250 ml di panna vegetale da montare
  • 1 pizzico di sale

PROCEDIMENTO

  1. Frantumate con il mixer i brownies (io di solito uso quelli che non vengono mangiati freschi e li lascio indurire)
  2. In un pentolino sciogliete a fuoco dolce il burro vegetale
  3. In una ciotola capiente versate i brownies sbriciolati, lasciandone da parte un po’ e successivamente il burro fuso. Mescolate finché tutto il grattugiato non si è inumidito uniformemente
  4. Spennellate una teglia da 17 con bordo amovibile con la rimanenza di burro fuso della pentola e infarinatela con i brownies sbriciolati tenuti da parte
  5. Versate il composto di burro e briciole nella teglia e aiutandovi con un cucchiaio, appiattite bene la base e rivestite le pareti verticali della teglia con uno strato di impasto.
  6. Ponete in frigo per almeno 30 minuti e nel frattempo preparate la crema chantilly
  7. In una pentola versate la farina setacciata, lo zucchero, la scorza di limone e la vanillina
  8. Accendete il fuoco e versate il latte a filo mescolando con la frusta in modo da non formare grumi
  9. Quando il composto inizia ad andare in ebollizione abbassate il fuoco al minimo e continuate a mescolare con la frusta per 5 minuti
  10. Passati 5 minuti vedrete che la crema si è formata: spegnete il fuoco e coprite la superficie della crema con della carta forno in modo che quando si sarà raffreddata e rimuoverete la carta, rimarrà incollata la pellicola di superficie. Non avrete così problemi con fastidiosi grumi
  11. Nel frattempo preparare la panna montata: versate la panna da montare in una ciotola capiente, mettete un pizzichino di sale e con le fruste elettriche montate la panna. Quando vi sembrerà sufficientemente densa, fate la prova del cucchiaino: se rimante in piedi è pronta!
  12. Aspettare che la crema si sia raffreddata, con una spatola o un cucchiaio incorporate la panna montata con un movimento che va dal basso verso l’alto fino completo assorbimento
  13. Tirate fuori dal frigo la base, versate la crema al suo interno e ponete in freezer per almeno 3 ore
  14. Guarnite a vostro piacimento

CONSIGLIO: per dare una colorazione simile a quella della vera chantilly io ho aggiunto qualche goccia di colorante giallo per alimenti ma si può anche usare un pizzico di zafferano.