Lemon Blueberry Layer Cake, senza… burro, latte e uova

Avete mai visto il film capolavoro “Un bacio romantico – My blueberry nights” solo con Jude Law, Nora Jones, Rachel Weisz e Natalie Portman? Beh… io sì, innumerevoli volte e se non l’avete ancora visto, vi consiglio caldamente la visione.

In questo stupendo film si parla molto dell’americanissima blueberry cake, la torta ai mirtilli (il blueberry del titolo si riferisce esattamente al dolce!), torta che si trova in ogni tavola calda che si rispetti degli States. Burrosa, lattosa, pannosa, morbidissima e squisita.

Oggi pomeriggio, finito di lavorare sono stata presa da raptus e ho iniziato a “spignattare”, famoso detto francese, dopo aver scartabellato qua e là in favolosi siti di grassissime e sublimi ricette americane. Bella non esattamente (la mia!) ma all’assaggio la mente è volata alla scena che vale la visione di tutto il film!

Lemon Blueberry Layer Cake

INGREDIENTI

Torta

  • 230 g di burro vegetale ammorbidito a temperatura ambiente
  • 2 yogurt alla soia
  • 250 g di zucchero semolato
  • 100g di zucchero di canna
  • 1 cucchiaio di estratto di vanilla
  • 345 g di farina milleusi + un cucchiaio da tenere da parte
  • 1 bistina di lievito vanillato per dolci
  • un pizzico di sale
  • 240 ml di latticello vegetale
  • la scorza di 3 limoni
  • il succo di 3 limoni
  • 258 g di mirtilli freschi

Farcitura e guarnizione

  • 224 g di spalmabile alla soia a temperatura ambiente
  • 115 g di burro vegetale ammorbidito a temperatura ambiente
  • 420 g di zucchero a velo
  • 1 – 2 cucchiai di panna vegetale
  • 1 cucchiaio di estratto puro di vanilla
  • 1 pizzico di sale

PROCEDIMENTO

Torta

  1. Preriscaldate il forno a 180°
  2. Mettete il burro nella planetaria e con la frusta alla massima velocità sbattete il burro fino a farlo diventare una cremina
  3. Aggiungete lo zucchero semolato e quello di canna e sbattete a velocità medio alta fino a completo assorbimento
  4. Aggiungete lo yogurt e l’estratto di vanilla e continuate a sbattere a media velocità finchè il composto non diventa omogeneo
  5. In una ciotola a parte mescolate la farina, il sale e il lievito e aggiungete poco alla volta gli ingredienti secchi a quelli umidi con la frusta a bassa velocità
  6. Versare ora il latticello, la scorza e il succo di limone e mescolare fino a completo assorbimento
  7. A parte mescolate i mirtilli con la farina e versateli delicatamente nell’impasto a planetaria spenta, mesolate poco con un cucchiaio
  8. Versate il composto uniformemente in 3 teglie da forno precedentemente spennellate di olio di semi e infarinate oppure spruzzate con lo spray spruzzante alimentare
  9. Infornate le 3 teglie per 25 – 30 minuti facendo la prova dello stecchino dai 20 minuti di cottura, quando lo stecchino esce pulito, sfornate le teglie e lasciate raffreddare prima di farcire la torta e guarnirla

Farcitura e guarnizione

  1. Utilizzando sempre una planetaria con la frusta, sbattere il cremoso alla soia e il burro vegetale fino a eliminare tutti i grumi
  2. Aggiungere lo zucchero a velo, la panna, l’estratto di vanilla e il sale con la frusta a velocità minima
  3. Aiutandovi con un coltello molto affilato o da pane, tagliate le superfici dei 3 livelli che avete preparato inmodo da creare una superficie piatta
  4. Ponete il primo strato della vostra torta sul supporto scelto e ricoprite uniformemente col frosting, appoggiatevi sopra il secondo strato di torta e di nuovo ricoprite uniformemente col frosting, aggiungete ora l’ultimo stratto e ovviamente ricoprite sempre uniformemente col frostinge spalmatelo anche ai lati nella maniera che più vi piace
  5. Guarnite con mirtilli e fettine di limone a vostro piacimento

Torta sette vasetti senza… burro, latte e uova

UAG TemplatesConverti in bozza(opens in a new tab)Anteprima(si apre in una nuova scheda)Aggiornaabout:blankAggiungi titolo

Prima delle feste natalizie mi è presa un’incredibile voglia di dolci soffici da intingere nel latte.

La torta perfetta per il rito dell’inzzuppare nel latte la fa mia nonna, che, come al solito, ha la sua personale ricetta. Ovviamente (ahimè!), farcita di latticini e uova e ça va sans dire, deliziosa!

Per trovare qualcosa di più leggero e affine alle mie esigenze, ho iniziato a scartabellare sul web. Mi sono imbattuta regolarmente, su ogni sito autorevole, nella torta sette vasetti che, già di suo, non è particolarmente ricca di ingredienti per me “vietati”.

Mi sono così adoperata ad adattarla alle mie esigenze e questo è stato il goloso risultato!

Torta sette vasetti senza… burro, latte e uova

INGREDIENTI

  • 3 vasetti di farina 00 (375 g)
  • 2 vasetti di zucchero (250 g)
  • 1 vasetto di yogurt alla soia (125 g)
  • 180 g di avocado
  • 1 vasetto di olio di semi (125 ml)
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • Zucchero a vero q.b.
  • Granelle di zucchero decorative

PROCEDIMENTO

  1. Preriscaldate il forno statico a 180º
  2. In una ciotola capiente, io uso quella della mia amatissima KitchenAid, versate per primo lo yogurt, in modo da poter utilizzare il vasetto per dosare gli altri ingredienti
  3. Aggiungete lo zucchero, l’olio e l’avocado e sbattete tutto a media velocità con le fruste elettriche o la planetaria
  4. Versate la farina un vasetto alla volta aspettando che si sia assorbita tra un vasetto e l’altro
  5. Per ultimo aggiungete il lievito e lavorate l’impasto finché non diventa omogeneo
  6. Versate il composto in uno stampo da 24, dopo averlo spennellato con dell’olio di semi o spruzzato con lo staccante spary alimentare
  7. Infornare per circa 35 minuti

DECORAZIONI

Per le decorazioni che vedete nella foto io, come al solito, mi sono arrangiata con quello che già avevo in casa: zucchero a velo e granelle di zucchero e zuccherini a forma di cristallo di neve che avevo comprato qualche tempo fa al LIDL. Alla fine, senza nemmeno volerlo, mi sono ritrovata una torta a tema Frozen!

N.B. Passati 30 minuti, se vedete che la torta è già ben dorata, fate la prova dello stecchino per vedere a che punto è la cottura interna.

SUGGERIMENTO: se vi piace che la torta sia di altezza omogenea e non abbia la classica forma “a collinetta”, procuratevi Wilton Bake Even Strip: sono delle fascette di stoffa termica che si imbevono di acqua, si avvolgono intorno allo stampo da dolci e ne rallentano la cottura e quindi la lievitazione del bordo esterno una volta in forno. Se preferite il metodo meno pratico ma più tradizionale, allora dovete riempire la placca forno con un po’ d’acqua e far cuocere a bagnomaria immergendo la teglia da forno. Attenzione però che le teglie col bordo amovibile non sono a tenuta stagna e il tempo di cottura aumenta notevolmente!!

Francesca